PADOVA : Il daspo al leader di Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero per aver dimostrato verso i pargoli della “PADOVA BENE” ?

84

La Questura di Padova ha notificato al leader di Centopercentoanimalisti, Paolo Mocavero, come procedimento amministrativo, il foglio di via obbligatorio, valido per tutto il comune Euganeo . In base all’Art. 2, «qualora le persone indicate siano pericolose per la sicurezza pubblica e si trovino fuori dei luoghi di residenza, il Questore puo’ rimandarvele con provvedimento motivato e con foglio di via obbligatorio, inibendo loro di ritornare, senza preventiva autorizzazione ovvero per un periodo non superiore a tre anni, nel comune dal quale sono allontanate».

Paolo Mocavero ha così commentato, quasi sfidando il provvedimento:  «Prendo atto di questa ennesima medaglia al valore per aver contrastato con determinazione i nemici degli Animali. Rispetto comunque la decisione del Questore con lo stesso rispetto che nei confronti delle forze dell’ordine non verrà mai a mancare. Infine ricordo ai “bastardini” che hanno preso a calci il povero Pollo ammazzandolo (il povero Animale è morto la sera stessa per le percosse, lo so) e ai loro complici adulti ( li conosco bene e lo sanno anche loro visto che sono andati a piangere in Questura), che Centopercentoanimalisti in città non è solo Paolo Mocavero».

Tutto si rifà a quella festa di compleanno , di qualche mese fa , dove alcuni ” pargoli” della Padova Bene avevano regalato un pollo vivo alla festeggiata di turno  per poi ridurlo in fin di vita a colpi di calci e rincorrendolo per le vie del centro ,  colpendolo ripetutamente . Altresì  lo schifo allo schifo attuato da questi giovanotti e giovanotte ” perbene” del centro Città  è che tutto veniva ripreso dai propri telefonini  tra gli sghignazzi generali per la sorte infame che i festeggianti sortivano al povero animale. Erano  4  i padovani tra i 18 e i 20 anni, accusati  poi di maltrattamento di animali.